Le barzellette e la satira dell’Appenzello

Il cliché secondo cui gli abitanti dell’Appenzello sarebbero gente arguta e spiritosa si è formato alla fine del Settecento, fra l’altro anche attraverso le opere di Johann Gottfried Ebel. Le testimonianze delle barzellette dell’Appenzello risalgono però a molto tempo prima; in seguito, quest’immagine degli abitanti dell’Appenzello s’imprime grazie a barzellettieri e satirici di successo. Le barzellette, che sortiscono il loro effetto e vengono tramandate nella dimensione dell’oralità, sono state ancorate nella scrittura a partire dall’Ottocento. È considerata opera di riferimento per eccellenza la famosa raccolta di Alfed Tobler del 1905. Più recentemente sono state pubblicate raccolte di Ruedi Rohner, ritenuto il maestro incontestato delle barzellette dell’Appenzello, come pure di Walter Koller, August Inauen e Toni-Sepp Wyss. A rappresentare l’aspetto politico della satira dell’Appenzello è Carl Böckli, che ha lottato contro l’opportunismo e le ideologie totalitarie; ha pubblicato le sue caricature e i suoi versi sotto lo pseudonimo di «Bö» principalmente nella rivista «Nebelspalter». Esponente della forma moderna del cabaret e della satira è Simon Enzler, e il «Witz-Slam», di recente creazione, che coniuga la tradizione e la cultura del «poetry slam». Le barzellette e le storie spiritose dell’Appenzello sono un’ottima occasione per farsi due risate fra amici e durante eventi pubblici oppure vengono lette in libri o ascoltate con audiolibri. Lungo il sentiero delle barzellette che congiunge Heiden a Walzenhausen ci s’imbatte in un programma che prevede il movimento dei muscoli delle gambe e di quelli sollecitati nelle risate, con il risultato di un connubio ideale.


Categoria

Pratiche sociali


Cantone


Descrizione dettagliata


Documenti sonori

Peter Eggenberger: «Hööche Psuech im Schuelzimmer» (dal CD: «Lose ond lache. Appezeller Gschichte») © Peter Eggenberger/Appenzeller Verlag, Herisau, 2006

Ruedi Rohner: «Vo de Liebi» (dal CD: «Appenzeller Witze 1») © Ruedi Rohner/Appenzeller Verlag, Herisau, 1999

Ruedi Rohner: «Schlagfertig» (dal CD: «Appenzeller Witze 2») © Ruedi Rohner/Appenzeller Verlag, Herisau, 1999

Tradizioni collegate

Pubblicazioni

Peter Eggenberger: Dross ond Dri. Appezeller Gschichte. Herisau, 1999

Peter Eggenberger: Jechterondoo! Appezller Gschichte. Herisau, 2009

Peter Eggenberger: Vo Tökter ond Luusbuebe. Appezeller Gschichte. Herisau, 2011

August Inauen: Us em Appezöller Witzdröckli. Rorschach, 1979

Walter Koller: Dreihundert Appenzellerwitze. Horn, 1995 (8. Auflage)

Ruedi Rohner: Appezäller Witz (3 Bände). Herisau, 1996, 1997, 2004

Thomas Fuchs: Böckli, Carl. In: Historisches Lexikon der Schweiz. Bern, 2005

Anton Josef Wyss: Trääf ond rääs. 1597 Mool uss de Witztrue im Appezöll Innerhode Dialekt. Appenzell, 2005

Parole chiave

Contatto

Appenzell Ausserrhoden
Amt für Kultur
E-mail

Appenzell Innerrhoden
Kulturamt
Appenzell Innerrhoden - Kulturamt - Kontakt

Stampare il contatto

https://www.lebendige-traditionen.ch/content/tradition/it/home/tradizioni/le-barzellette-e-la-satira-dellappenzello.html